Skip to content
Increase font size Decrease font size Default font size

Gare d'appalto

DocumentiData di inserimento

Ordina per : Nome | Data | Click [ Crescente ]
file icon Documentazione STARTnovità!Tooltip 31/01/2012 Click: 2016

S.T.A.R.T. Sistemi, Tecnologie e Applicativi per le Reti Territoriali GARA DI APPALTO A PROCEDURA APERTA CON IL CRITERIO DI SELEZIONE DELL’OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA

IV.3.4) Termine ricezione offerte: 23.03.12 ore 12.00;

IV.3.8) Apertura delle offerte: 28.03.12 ore 9.30.

 
Errata correge: L'indirizzo e-mail al quale può esserre effettuata la richiesta di sopralluogo è:
sim@cmterminiocervialto.it

F.A.Q.

AGGIORNATI AL 14  MARZO 2012 (DA 1 A 10)

 

 

QUESITO 1.                 

a.     Se L’inserimento nel sistema del PRG dei Comuni del Comprensorio comprende la digitalizzazione di carte e norme oppure se tutti i dati sono disponibili in formato elettronico.

b.     Come automatizzare l’aggiornamento di Docfa-Pregeo Note di Pubblicità immobiliare e Dati ai fini della TARSU con servizi da creare

c.     Se per procedure a sostegno del PUC e della VAS si intendono strumenti di modellazione grafica di opere/interventi sul territorio

RISPOSTA

a.     Come richiesto da capitolato l’ffidatario dovrà provvedere all’inserimento dei PRG. Laddove il Comune non avesse ancora provveduto alla digitalizzazione e/o vettorializzazione. I Comuni sono quellli riportati nel capitolato a pagina 3.

b.     Come riporttao nel capitolato a pagina 3, l’aggiudicatario dovrà sviluppare procedure automatiche per l’aggiornamento dei dati provenienti da fonti certificate sia alfanumeriche che cartografiche. L’aggiornamento di Docfa-Pregeo Note di pubblicità Immobiliare e dati ai fini della TARSU, riportati a pag 11-12 rientra in questa categooria. La progettazione e la realizzazione di tali procedure è a carico dell’affidatario. La piattaforma ed il conetsto tecnologico in cui inserire le prcedure sono riportate nel capitolato.

c.     No, non si intendono strumenti di modellazione grafica, ma procedure di supporto ai comuni per la pubblicicazione su appositi spazi del sistema degli atti, documentazione ed elaborati relativi alla procedura di realizzazione approvazione del PUC

 

QUESITO 2.                 

a.     Con riferimento alla gara in oggetto Vi chiediamo se le fonti dati di origine, alfanumerichi e cartografiche,  debbano essere fonti dati di titolarità istituzionale.

RISPOSTA

a.     Sì, tutte le fonti dati che si vogliono trattare (quelle prescritte e le altre che l’offerente indicherà) devono essere certificate.

QUESITO 3.                 

L’art. 1 del Capitolato (oggetto dell’appalto), - tra l’altro. Recita: “il sistema dovrà essere arricchito con i PRG dei comuni facenti parte del comprensorio. Inoltre tutti i comuni dovranno essere referenziate le basi di dati cartografiche del catasto”; a tal proposito si chiede:

a.     Le mappe catastali e i PRG da inserire sono disponibili su supporto cartaceo o su supporto informatico? In questo secondo caso, in quale formato?

b.     Da quanto riportato dall’art. 1 del capitolato, le fonti dei dati geografiche  da inserire sono certe e determinate; si chiede quindi quali considerazioni saranno alla base della valutazione di cui al punto 1.3 della tabella a pag. 19 del discipliane, che indica “quantità e qualità delle fonti dati che saranno incluse nella base di dati“.

RISPOSTA

a.     Per quanto riguarda i PRG non si è in possesso di informazioni. Nella formulazione dell’offerta è opportuno  considerare di dover digitalizzare tutti i piani regolatori e renderli in formato vettoriale. Per quanto riguarda le mappe catastali sono notoriamente disponibili nei formati CXF oppure CML

b.     Bisogna, a tal  proposito fare riferimento al punto 3 dello stesso articolo 1 del capitolato di gara “Estensione delle basi di dati in considerazione di quanto reso disponibile dall’AdT” . Sta all’offerente dichiarare quali dei dati ad oggi resi disponibili dall’AdT intende trattare. Il punteggio è legato alla seguente considerazione. L’offerente deve considerare che il trattamento di ogni singola tipologia di dati deve prevedere l’inserimento degli stessi in una opportuna banca dati e i relativi moduli di gestione e consultazione. Quante più tipologie di dati e/o documenti verranno inseriti nel sistema tanto più questo sarà utile per gli enti locali ai fini delle recenti disposizioni di legge in materia di federalismo e di cooperazione con l’Agenzia delle entrate. In sede di offerta non si chiede all’offerente di descrivere la struttura delle banche dati, ma semplicemente di dichiarare quali dati intende prendere in considerazione. Tali dati saranno naturalmente utili ai fini della definizione dei servizi. Con la scelta dei fattori di valutazione l’Ente ha voluto rendere la valutazione stessa coerente con le finalità del progetto.

QUESITO 4.                 

a.     Un azienda chiede un ulteriore sopralluogo con la seguente motivazione:

Durante il sopralluogo è stato visionato l‘‘harware ed i locali ma non è stato possibile visionare il sistema perchè il collegamento al server non era attivo

RISPOSTA

a.     Con riferimento alle richieste si precisa che il punto 11 del disciplinare testulamente cita:

Le imprese che intendono partecipare alla gara hanno l‘obbligo di effettuare il sopralluogo per visionare quanto già realizzato dall‘ente, nonché i locali in cui l‘hardware dovrà essere installato.

E’ evidente che il sopralluogo si riferisce alle attrezzature hardware già acquisite dalla Comunità montana sui fondi regionali e non sarebbe pensabile si riferisse ad altro.

Considerato che il progetto START investe aspetti quali la cartografia, il sit, il protocollo informatico, l’albo pretorio, i flussi documentali, non sarebbe ragionevole immaginare di effettuare sopralluoghi per visionare il funzionamento di quanto realizzato, poichè questo implicherebbe un tempo da dedicare ad ogni singolo sopralluoogo incompatibile con i tempi (stabiliti dalla legge e a parere dell’Ente ampiamente sufficienti per consentire la scrittura dell’offerta tecnica così come richiesta) del bando di gara e soprattutto sarebbe una procedura del tutto inapplicabile.

L’Ente inoltre è e resta sempre disponibile  a fornire  spiegazioni e chiarimenti circa le richieste del capitolato e del disiplinare  entro limiti di ragionevolezza e secondo le modalità di prassi (richiesta a mezzo fax e/o e-mail). Si ribadisce che START è un prosieguo di Mister WEB nell’ottica del Riuso.

Se l’impresa lo ritiene utile può consultare il sistema utilizzando le credenziali id guest password guest. Sono state disattivate alcune funzioni, per esempio la visura catastale poichè il servizio non è destinato all’esterno.

Ad ogni modo le aziende che hanno già effettuato il sopralluogo, se ritengono di voler fissare un ulteriore appuntamento incontreranno sempre la disponibilità da parte dell’Ente, fermo restante che gli aspetti di cui prendere visione sono quelli già precedentemete descritti.

QUESITO 5.                 

a. Si richiedono i modelli A, B, C, D, E ed F, allegati al bando pubblicato, in formato editabile (ad esempio per MS Word).

b. Si richiede la disponibilità di un accesso al sistema M.I.S.Ter WEB attualmente in esercizio (nome utente e password). Si precisa che la pagina “Come registrarsi“ raggiungibile dal sito ufficiale dell’Ente, sezione S.I.T., è vuota o non funzionante.

c. Si chiede di specificare quanti e quali Comuni dispongono del PRG in formato elettronico e quanti e quali nel solo formato cartaceo.

d. Si chiede di rendere disponibile la documentazione tecnica del sistema M.I.S.Ter WEB attualmente in esercizio onde poter predisporre un adeguato progetto di estensione, integrazione ed ampliamento funzionale. Si precisa che la descrizione fornita nel bando e nella bacheca del riuso della Regione Campania risulta insufficiente per il livello di dettaglio non approfondito e pregiudica la parità di condizioni nella partecipazione dei concorrenti alla gara.

RISPOSTA

a.     I documenti sono in formato PDF al fine di eviare contestazioni.  Possono essere  trattati con i prodotti della famiglia Acrobat . Ad ogni modo a breve saranno pubblicati nel formato doc.

b.     Il progetto Mister WEB era finalizzato allo sviluppo di moduli per i Comuni (moduli di back office). Con le economie di gara l’Ente acquisì le licenze ESRI e realizzò la cartografie di base relativa ai seguenti comuni Montella Cassano Bagnoli Montemarano Niusco. Per quanto non si ritenga che la consultazione possa essere utilie ai fini della redazione dell’offerta tecnica, vi comunichiamo che le credenziali per verificare i dati  di natura pubblica sono  id guest password guest. Sono state disattivate alcune funzioni, per esempio la visura catastale, poichè il servizio non è destinato all’esterno.

c.     Mister WEB è un prodotto reso riutilizzabile secondo quanto definito nell’avviso Il progetto START nasce dalla logica del Riuso Regionale. La documentazione ed il codice sorgente sono di proprieità della Regione Campania che,sempre in base all‘Avviso di cui sopra, rende pubblico il documento descrittivo cui fate riferimento nel vostro quesito.  La normativa sul riuso stabilisce che a valle della scrittura della convenzione tra Regione Camapania e Ente beneficiario il codice sorgente e altra documentazione (specifica dei requisiti ed altro) sarà reso disponibile. Ciò al fine di tutelare la proprietà intellettuale che è e resta della Regione Campania e anche in considerazione che ulteriore documentazione è necessaria esclusivamente  nel momento in cui deve essere scritto il codice. Inoltre la convenzione che consente agli enti il Riuso comporta anche oneri per l’Ente nei confronti della Regione stessa. Il documento descrittivo della Regione Campania contiene tutte le indicazioni ritenute dalla stessa sufficienti per  potere comprendere il contesto, gli ambienti di sviluppo e di programmazione. Tale documento è stato riportato nel capitolo 6 del capitolato tecnico. La stessa procedura viene seguita da tutti i progetti che prevedono il riuso senza che questo abbia comportato alcun pregiudizio. Comunque, essendo interesse dell’ente ampliare il numero di concorrenti, nella definzione dell’offerta tecnica  non si chiede all‘offerente alcun  dettaglio di rilievo dal punto di vista tecnico-informatico, bensì gli si chiede di proporre nuovi eventuali servizi da fornire agli enti locali ai fini del federalismo fiscale e ai fini della migliore utilizzazione delle procedure del riuso regionale,  le fonti dati che vuole importare con riferimento a fonti dati certificate,  e per quanto concerne i servizi aggiuntivi deve proporre una soluzione di gestione dei flussi documentali finalizzati anche alla gestione dell’albo pretorio e alla integrazione con il proptocollo.

QUESITO 6.                 

a.      Il punteggio riferito all’integrazione con quanto già realizzato si riferisce alle banche dati e/o ai servizi? Se sì in quale modo si devono integrare?

RISPOSTA

a.     Le estensioni e/o integrazione vanno definite in funzione delle tecnologie alla base del sistema Mister WEB. Tali tecnologie sono descritte in maniera puntuale al capitolo 6  del Capitolato tecnico. Il punteggio relativo all’integrazione con quanto già realizzato non si riferisce a come l’offerente spiega le modalità tecniche di integrazione ma alla continuità che si dà al percorso di innovazione della Comunità Montana, nel rispetto della infrastruttura fisica presente.

QUESITO 7.                 

a.     Sarebbe gradita all’Ente una soluzione che faccia ricorso ad una altra soluzione, open source poichè la piattaforma ESRI ha un costo?

RISPOSTA

a.     Premettiamo che il RUP non ha il compito di esprimenre pareri sulle soluzioni che le imprese offrono, la qual cosa spetta alla commissione giudicatrice, ma solo il compito di fornire chiarimenti. Ad ogni modo Le forniamo la seguente informazione che forse può esserle utile per redigere l’offerta: L’Ente ha già la piattaforma ESRI, acquisita con fondi regionali. Nella redazione dell’offerta tecnica è opportuno leggere con attenzione il capitolato e le prescrizioni in esso contenute al fine di non proporre soluzioni che sarebbe in contraddizione con lo stesso.

QUESITO 8.                 

a.     L’Ente ha già un modulo per comunicare con l’Agenzia del Territorio?

RISPOSTA

a.     Il sistema Mister WEB consente lo scarico dei dati che nel 2007-2008 l’ADT rendeva disponibile. Il progetto intende automatizzare lo scarico e provvedere allo scarico anche di nuovi dati ad oggi disponibili. Con dati si intendono basi alfanumeriche e documenti.

QUESITO 9.                 

a.     Dove è possibile conoscere quali dati sono disponibili  e in che formato presso l’Agenzia? Come comunica l’Agenzia con L’Ente?

b.     In sede di sopralluogo è possibile acquisire informazioni a riguardo?

RISPOSTA

a.     La risposta tecnica presuppone che l’offerente conosca le possibilità date dall’Agenzia del Territorio e  le modalità con cui questa fornisce servizi agli enti Locali. L’analisi del contesto è a  carico di chi scrive l’offerta.

b.     Il sopralluogo è finalizzato a visionare l’infrastruttura hardware e i software di base (esistenza di software di virtualizzazione, sistemi operativi, ...) che l’ente posside, oltre che i locali in cui questa è posizionata per consentire una migliore organizzazione dell’offerta anche in realzione alle forniture aggiuntive. E‘ escluso che l’Ente possa trasferire alle imprese notizie circa le regole con cui l’Agenzia rende fruibili i servizi agli Enti, poichè l’Ente è solo un utente di tali servizi.

 

QUESITO N. 10.

      Art.8 Capacità Economica.

           Ultimo triennio 08/09/10 ?

           Motivazione dell’esclusione del 2011 ?

           Art.13/punto 12 Dichiarazioni si citano ultimi tre anni e non 08/09//10

           Trattasi di ritardi di pubblicazione Bando e quindi vanno bene anni 2009/2010/2011

            Oppure il 2011 non rientra?

            RISPOSTA

            Per quanto riguarda la capacità economica finanziaria ( Art.8) il triennio è il

            2008/20029/2010.

            Ciò perchè il triennio inerente alla capacità economico-finanziaria di cui all’art.41 ,

            comma 1 ,llett. C), del D.Lgs. n.163/2006 si riferisce ai documenti tributari e ficali

            relativi ai tre esercizi annuali antecedenti alla data di pubblicazione  del bando, che

            risultano depositati, mentre, in relazione ai requisiti di capacità tecnica e professionale

            di cui all’art. 42 ,comma 1, lett. a) del Codice dei contratti pubblici , il triennio di

            riferimento è quello effettivamente antecedente alla data di pubblicazione del bando e,

            quindi, non coincide necessariamente con il triennio relativo al requisito di capacità

            economico-finanziaria                           

Nota per le imprese:

 

 

1.     Il disciplinare fa riferimento  all’AVVISO PER MANIFESTAZIONE D’INTERESSE, RIVOLTO A TUTTI GLI ENTI LOCALI E P.A. CAMPANE, A PRESENTARE APPLICATIVI INFORMATICI (BEST PRACTICE) REALIZZATI NELL’AMBITO DELL’E-GOVERNMENT PER L’IMPLEMENTAZIONE DELLA BACHECA DEL RIUSO DELLA REGIONE CAMPANIA.” Pubblicato sul BURC num 25 del 27 aprile 2009 e richiamato nel Avviso Regionale num. 47 del 27 luglio 2009. Al fine di evitare richieste che esulano dal contesto normativo in cui nasce il presente progetto si pregano le imprese di prendere visione sul sito della Regione Campania dei due avvisi indicati e richiamati nel disciplinare.

 

2.     Il sopralluogo ha lo scopo di condividere con le imprese interessate l’infrastruttura di cui l’Ente è dotato, ciò in funzione della possibilità per le imprese di fornire attrezzature aggiuntive, per meglio rispondere alle esigenze della Comunità Montana.

 

3.     Su richiesta di alcune imprese il GIS è stato reso visibile all’esterno. Per l’accesso: ID guest password guest. Alcune funzioni sono state disabilitate perché il servizio non è destinato all’esterno.

 

4.     Al fine di condividere con tutte le imprese che intendono partecipare le informazioni e le risposte alle FAQ, ogni chiarimento deve essere richiesto a mezzo fax e/o  e-mail e l’Ente pubblicherà sul sito le domande con le relative risposte.

 

5.     Rispetto alla capacità tecnico professionale nel punto a pagina 6 del disciplinare di gara (Art.9) che recita “ Almeno 2 forniture nell’ultimo triennio (2008-2009-2010) ad Enti Pubblici , in relazione ad uno o più dei seguenti servizi : Digitalizzazione di PRG – Raccolta e/0 bonifica dati trerritoriali – Sviluppo di interoperabilità tra banche dati “ si precisa che:

 

PER MERO ERRORE MATERIALE E’ STATO RIPORTATO IL TRIENNIO 2008-2009-2010, MENTRE IL TRIENNIO CUI FARE RIFERIMENTO E’ IL 2009-2010-2011.

 

VERBALE 3  : PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEI LAVORI DI “REALIZZAZIONE di un IMPIANTO a POMPA di CALORE GEOTERMICA a BASSA ENTALPIA A SERVIZIO DELLA piscina coperta in Cassano Irpino

 PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEI LAVORI DI “REALIZZAZIONE di un IMPIANTO a POMPA di CALORE GEOTERMICA a BASSA ENTALPIA A SERVIZIO DELLA piscina coperta in Cassano Irpino NUOVA SEDUTA DI GARA apertura offerta economica mercoledì 01.02.12 ALLE ORE 12,30

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI ATTREZZATURE E MEZZI INNOVATIVI PER IL POTENZIAMENTO DEGLI INTERVENTI DI PREVENZIONE E LOTTA ATTIVA DEGLI INCENDI – AREA NORD

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI ATTREZZATURE E MEZZI INNOVATIVI PER IL POTENZIAMENTO DEGLI INTERVENTI DI PREVENZIONE E LOTTA ATTIVA DEGLI INCENDI – AREA SUD

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 10 di 11

Amministrazione trasparente

Amministrazione trasparente